Come è nato “Le ROSA” è semplice: volevo fare networking, cercavo la formula migliore, poi sono stata invitata da Daniela Ballarini nel suo gruppo chiuso su Facebook legato alla città di Verona e ho capito che potevo partire così.

A Padova, ci sono delle attività legate al networking femminile ma io volevo qualcosa che avesse le mie sembianze e non per egocentrismo, ma per soddisfare in maniera assoluta alcuni dei miei bisogni.

Non sono originaria di questa città, ho avuto grosse difficoltà a integrarmi (lo so che chi mi conosce non ci crede) seppur avendo a disposizione una realtà ricca di stimoli. Vuoi per il lavoro, i figli e gli amici nella provincia di Venezia soprattutto, non ho mai dedicato troppa attenzione a crearmi “il giro” nella mia zona di residenza.

Poi, ho iniziato prima la mia carriera da freelance e ho aperto la SeoSpirito srl, continuando a fare praticamente la pendolare su Milano. Una città che conosce perfettamente la forza delle relazioni e come generarle. È maturata velocemente l’idea di poterlo fare in una realtà più piccola, nella quale vivo, vorrei crescere e fare business.

Un giovedì di qualche settimana fa ho chiesto di studiare una grafica che avesse la mia personalità a Simona Ciapanna di OnMarketing srl, la mia azienda partner su Roma, ho aperto il gruppo chiuso di Padova e ho fissato il classico post in alto con le regole basilari.

Si entra solo se si vive nella città e provincia, bisogna presentarsi al gruppo, niente pubblicità ma solo link interessanti per le altre. Oltre a qualcosa che mi ha sempre toccato di noi donne e, in qualche modo, mi ha allontanata per anni dall’idea di avere a che fare con un mondo pienamente femminile e che riporto per intero.

CHE COSA NON VOGLIO DA QUESTO GRUPPO?
– l’invidia che spesso allontana noi donne e rovina i più grandi sogni;
– le prime donne: ho intenzione di creare un Direttivo da ruotare ogni anno, con un’elezione. 3 donne, oltre a me e Margot Deliperi, che aiutino nella gestione del gruppo se le cose ci piaceranno e saremo felici di stare insieme;
– le parole alle spalle: preferisco uno scontro, una discussione alle combutte. E noi, donne, ditemi quello che volete siamo brave a raccontarcele e raccontarle;

e, infine: la vostra assenza. 

In 3 giorni si sono iscritte entusiaste 200 donne, l’ho raccontato sul mio profilo personale di Facebook e Linkedin ed è successo qualcosa che davvero non mi aspettavo. Sulla fiducia altre professioniste che apprezzo mi hanno chiesto di aiutarle nell’aprire altri gruppi.

E ora abbiamo 1500 ROSE a:

  • ROMA con Simona Ciapanna;
  • MANTOVA con Valentina Tomirotti;
  • PESCARA con Gloria Paoloni.

 

Se vuoi far crescere "Le ROSA" nella tua città...

SCRIVIMI

Quali sono i miei obiettivi per “Le ROSA”?

Tutto deve girare intorno alla crescita della rete per raggiungere 3 obiettivi:

  1. supporto nella vita di tutti i giorni;
  2. crescita personale;
  3. business.

Abbiamo individuato tre tematiche forti leggendo i bisogni di chi si è iscritto: famiglia, formazione e networking per generare business nel proprio territorio.

Ho creato un Regolamento che per il primo anno vede la scelta di un Direttivo da parte mia per Padova e, sentendo le coordinatrici degli altri gruppi, per le altre città. Ogni area avrà un Responsabile che si impegnerà a strutturare, nei mesi che vanno da settembre a dicembre, un calendario di attività e di proposte da sottoporre alle iscritte per il 2018. Non ho altre pretese che vedere un anno di lavoro e coesione.

La prossima settimana ci saranno le nomine del Direttivo con obiettivi e mansioni per aree di competenza e ho chiesto un impegno di 8 ore al mese per il gruppo.

Non ci sono attualmente quote di iscrizione, sto investendo il mio tempo e quello delle persone che ci stanno credendo. Sono conscia non sia una passeggiata al punto tale che ho già iniziato le pratiche di registrazione del marchio “Le ROSA”, la verifica di statuti e regolamenti e l’opportunità di valutare forme di associazione che mi permettano di concretizzare i miei sogni e delle persone che si stanno fidando di me. Nel frattempo resta un gruppo chiuso in piena fase embrionale.

Alle donne che si sono affidate ho chiesto di darmi fiducia per 9 mesi, proprio come fosse mettere al mondo un bambino. Io sono già onorata di aver avuto questo riscontro, talmente bello che oggi mi incontrerò con potenziali coordinatrici di Venezia e Treviso e ho un appuntamento per Torino.

Ho già avuto i miei bei feedback negativi, ne prendo atto e li ascolto più di quelli positivi. Sto cercando supporto da chi ha già fatto errori in passato su questa strada e, generosamente, si presta a raccontarmi la sua esperienza. Studio i piani e i programmi da sottoporre, insieme alle altre ho iniziato a profilare i gruppi per capire come offrire il miglior servizio proveniente dal networking.

Sappiamo essere immense quando vogliamo, spostiamo mari e monti per quello che crediamo. Non ho paura di fallire, se c’è stata passione e perseveranza, imparerò per un’esperienza successiva. Ho paura della staticità delle cose, della mancanza di entusiasmo e dell’assenza di speranze “perché lo sai che poi noi per invidia ce la mettiamo sempre…

Io comincio con la prima cena di conoscenza de “Le ROSA” il 28 luglio per Padova e il 22 settembre per Roma, sto valutando le date per le cene su Mantova e Pescara e sono pronta a muovermi per poter abbracciare tutte coloro che stanno credendo in questa, forse, pazzia.

Incrociate le dita per me, statemi accanto e supportatemi, contattatemi e sognate con me e per voi…sono innamorata delle possibilità che nascono dall’online e si concretizzano con un abbraccio, un sorriso e una stretta di mano offline.

Giulia Bezzi

Giulia Bezzi

SEO SPECIALIST - WEB REPORTER - SPEAKER - DOCENTE

Sono una imprenditrice, la mia società si occupa di SEO per molteplici brand. Mi piace diffondere la cultura digitale ed è così che è nata la figura del WEB Reporter: racconto la storia di eventi e corsi di marketing e comunicazione online per andare oltre al programma, andando dietro le quinte, analizzando gli interventi e il messaggio che vogliono comunicare, compreso i feedback dei partecipanti.
Nel mondo SEO sono stata definita "bug di sistema" forse perché vado ben oltre quel mondo, i miei occhi sorridono quando vedo una strategia di insieme. Dico sempre che la mia vita non conosce la discesa ma mi alleno a non sentire troppa fatica in salita. Amo "Il profumo" di Suskind e odio l'invidia, provoca solo danni. Quando mi arrabbio mi arrabbio forte ma so amare all'infinito.

Pin It on Pinterest

Shares